I colossi di Memnone

I Colossi di Memnon sono le due magnifiche statue egiziane che rappresentano Amenhotep III. Questo luogo è anche conosciuto come el-Colossat o el-Sanamat.

Il re Amenhotep III regnò in Egitto dal 1386 al 1353 a.C. Le statue mostrano il re seduto su un trono.

Il trono mostra incisioni simboliche e immagini di sua madre, moglie e dio Hapi. Gli architetti costruirono queste statue per salvaguardare il tempio funerario del re. 

Tuttavia, oggi rimane ben poco del tempio funerario a parte i Colossi di Memnone.

Posizione dei Colossi di Memnon.

Si possono trovare i Colossi di Memnon nel Tempio di Amenhotep III, Necropoli Tebana. Le statue si trovano a ovest della moderna città di Luxor. Sono rivolti a est, guardando verso il fiume Nilo.

Prenota il tuo viaggio in Egitto per vedere la bellezza dell’Egitto!

Colossi di memnone, Le pareti dei colossi memnone

Le statue gemelle mostrano Amenhotep III in posizione seduta. Le mani del re poggiano sulle sue ginocchia e guarda verso est verso il fiume. 

Il trono anteriore ha altre due figure scolpite. Le due figure più corte sono la moglie del re "Tiye" e la madre "Mute Wiya". Inoltre, i pannelli laterali del trono raffigurano il dio del Nilo Hapi.


Costruzione

Entrambe le figure sono alte 60 piedi e pesano 720 tonnellate ciascuna. I lavoratori hanno scolpito queste statue da singoli blocchi di arenaria. 

Da notare che le sculture costituiscono blocchi di arenaria quarzite. Quindi, quegli operai hanno estratto i blocchi a el-Gabal el-Ahmar (vicino all'odierna Cairo). Successivamente, le fatiche li hanno trasportati per 675 km via terra fino a Tebe (Luxor).

La questione di come i blocchi siano stati trasportati via terra rimane senza risposta. Gli storici credevano che le pietre fossero troppo pesanti per trasportare il Nilo.

Forse le fatiche hanno spinto i blocchi sulle slitte nello stesso modo in cui hanno trasportato le rocce per le Piramidi di Giza.

Le piattaforme di pietra su cui si trova lo statuto si innalzano fino a 13 piedi. Le due figure distano circa 15 metri l'una dall'altra.


Leggi Anche : Le 5 Piramidi Egiziane più affascinanti

6 siti di immersione da non perdere

colossi di memnone, la meraviglia dell'ingresso dei colossi

Lo scopo dei Colossi di Memnone


Inizialmente, queste statue giganti dovevano fare la guardia all'ingresso del tempio commemorativo di Amenhotep. 

Questo tempio era una massiccia costruzione che gli antichi egizi costruirono durante il regno del re. In questo tempio, gli antichi egizi lo adoravano come un dio sulla terra prima e dopo la sua scomparsa.

Il complesso era il tempio funerario più grande e grandioso dell'antico Egitto. Coprono un vasto spazio di 35 ettari. 

Inoltre, rivali successivi come Ramesseum o Medinet Habu di Ramesse II non riuscirono a eguagliare la sua area. Inoltre, anche il grande tempio di Karnak era minore della camera mortuaria di Amenhotep.



Amenofi III


Amenhotep III, noto anche come Amenhotep il Magnifico, fu il nono sovrano della diciottesima dinastia. Governò l'Egitto dal 1386 al 1349 a.C. 

Dopo la morte di suo padre, Thutmose IV, il re conquistò l'Egitto. Di conseguenza, il regno del Faraone fu testimone di prosperità e splendore invisibili.

Durante il regno di Amenhotep III, l'Egitto raggiunse l'apice del potere artistico e internazionale. Dopo la sua morte, suo figlio regnò come Amenhotep IV. 

Successivamente, ha cambiato il suo nome reale in Akhenaton. Il grande re ha le statue più sopravvissute di un faraone egiziano. 

Gli archeologi hanno trovato oltre 250 delle sue figure e potrebbero identificarle. Attraverso queste statue, il Faraone poteva rappresentare il suo intero regno.
Colossi di Memnone nei giorni moderni.

Sfortunatamente, la natura ha abbastanza influenzato entrambe le statue. I tratti delle strutture sopra la vita sono quasi irriconoscibili. 
La scultura meridionale è costituita da un unico pezzo di pietra. Tuttavia, la figura settentrionale mostra una grande fessura estesa. 

Si estende nella metà inferiore e sopra la vita, composta da cinque ordini di pietra.
I livelli superiori costituiscono un diverso tipo di arenaria. 

Dimostra che c'è stato un tentativo di ricostruzione in passato. Recentemente, William de Wiveleslie Abney lo ha attribuito a Settimio Severo. 

Gli storici ritengono che le statue fossero inizialmente identiche tra loro. Tuttavia, le iscrizioni e l'arte minore potrebbero aver mostrato una variazione.

Sebbene gli antichi egizi costruissero i colossi per custodire il complesso funerario di Amenhotep III, sfortunatamente, escludendo i Colossi, oggi rimane ben poco del tempio. 

Il motivo è che il tempio si trovava sul bordo della pianura alluvionale del Nilo. Quindi, le successive inondazioni annuali ne hanno rotto lentamente le fondamenta.

La litografia del 1840 di David Roberts mostrava i Colossi circondati dall'acqua. I governanti successivi potrebbero anche aver messo in sicurezza parti dei monumenti per costruire nuove strutture.

Prenota la nostra offerta a Luxor!

colossi di memnone, la gente davanti alle statue

Distruzione del complesso


Subito dopo il completamento del complesso del tempio, fu distrutto da un terremoto. L'Istituto armeno di sismologia lo ha datato intorno al 1200 a.C. 

Di conseguenza, questo terremoto ha lasciato in piedi solo i due colossi giganti all'ingresso a causa di questo terremoto. 

Questi statuti videro la successiva distruzione a causa di un terremoto nel 27 aEV. Successivamente ha visto lavori di riparazione in parte da parte delle autorità romane.

Il blocco utilizzato dagli ingegneri romani potrebbe provenire da Edfu. Sfortunatamente, anche il terremoto del 1200 a.C. ha lasciato molte crepe nel terreno. 

Di conseguenza, ha portato alla sepoltura di molte nuove statue. Queste statue sono state oggetto di un ampio restauro guidato da Hourig Sourouzian.

All'estremità del cortile esisteva un complesso di templi rettangolari circondati da colonne. L'archeologo armeno ha rivelato che il complesso era costituito da un cortile peristilio. 

Fino ad ora, gli archeologi hanno ricostruito quattro delle statue. Otto di loro stanno aspettando una ri-erezione.


Suoni uditi dai Colossi di Memnone

Nel 27 aEV un forte terremoto distrusse il colosso settentrionale. È crollato dalla vita in su e ha rotto la metà inferiore. La gente credeva che dopo la sua rottura, la restante metà inferiore della

statua "cantasse". 

Questo di solito accadeva in varie occasioni, sempre entro un'ora dall'alba, di solito intorno all'alba.

Il suono è stato segnalato più spesso a febbraio o marzo. Tuttavia, questo potrebbe essere un riflesso della stagione turistica. 

Il primo rapporto del suono è quello di uno storico greco Strabone. Ha riferito di aver sentito il suono durante una visita nel 20 a.C. Tuttavia, a quel punto, il suono era già ben noto.


Personalizza il tuo pacchetto in Egitto!

colossi di memnone, Paracadute sopra il cielo dei colossi

Le descrizioni variano. Strabone riferì che la musica suonava "come un colpo". Mentre Pausania la paragona alla "corda di una lira che si spezza".

Tuttavia, la gente la descrive anche come colpi di ottone o fischi. Inoltre, la base della statua ha circa 90 iscrizioni di turisti che riportano se hanno sentito o meno il suono.

Successivamente scoppiò una leggenda del Vocal Memnon. La gente credeva che il suono portasse fortuna. Di conseguenza, ha portato a un flusso costante di visitatori che venivano ad ammirare i Colossi di Memnon.

I Colossi di Memnon sono l'unica reliquia sopravvissuta del grande tempio di Amenhotep III. Tuttavia, permette alle persone di ammirare l'incredibile storia e il potere del re. 

I turisti fino ad oggi visitano i Colossi per assistere al potere e ai racconti delle grandi statue.

Prenota subito una crociera sul Nilo!

colossi di memnone, La bellezza dei colossi

commenti dei clienti



Domande frequenti

Fare fotografie e' permesso nella maggior parte dei siti di interesse storico e dei musei, anche se in alcuni potrebbe esserVi richiesto un sovrapprezzo sul costo del biglietto per l'entrata se muniti di macchina fotografica. In alcuni musei, come il Museo Egizio, e altri siti di interesse turistico come la Valle dei Re a Luxor, tale attività' non e' permessa e ai visitatori viene richiesto di lasciare la macchina fotografica all'ingresso.

In molte aree turistiche egiziane tali raccomandazioni non sono necessarie; in località' meno turistiche si raccomanda invece un abbigliamento consono. Di fatto, le donne dovrebbero evitare un abbigliamento troppo succinto, collane appariscenti, tenere le spalle e le ginocchia coperte, durante le visite delle Moschee di consiglia di avere una sciarpa, e in alcune moschee alle donne sarà' chiesto di coprire la testa e magari anche le braccia e le gambe. Sia alle donne che agli uomini sarà' chiesto di togliersi le scarpe prima dell'ingresso.

Ci sono tutti i tipi di strutture in Egitto iniziando  dagli hotel di lusso al semplice ostello. I piu' belli alberghi delle catene internazionali, come Movenpick, Hilton, Four Season, Sofitel, eguagliano il livello delle strutture di lusso di tutto il mondo.

Ad un altro livello si collocano gli alberghi locali, per i quali e' possibile trovare vari livelli e stili, dal lusso al sobrio. Gli alberghi egiziani hanno una loro classificazione che li colloca genericamente in una scala a 5 stelle, differente da quella usata ovunque negli standard internazionali.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie ma  comunque e’ raccomandabile per gli anziani e per  i bambini piccoli il vaccino contro l'Epatite C, il Tifo ed il richiamo per il Tetano


Visualizza tutto