informazioni@viaggioinegitto.com

Le migliori 7 oasi in Egitto da scoprire

Leggi di più per scoprire tutto sulle oasi

Le Oasi in Egitto sono tra i luoghi più famosi del mondo, ognuna con il suo carattere speciale. Ovunque tu soggiorni, puoi goderti la tranquillità dello stile di vita beduino, i boschi di datteri, le torri dei piccioni e le case di fango dipinte di blu.

Per la migliore avventura safari in Egitto, puoi esplorare la maestosità del deserto in cammello o in jeep, trascorrere una notte sotto le stelle e fare un tuffo mattutino nelle sorgenti termali.

Se stai cercando un'avventura lontano dai rumori della città, Personalizza ora il tuo viaggio in Egitto per scoprire queste oasi egiziane fantastiche. L'Egitto ha sette oasi situate nei deserti occidentali e orientali. Leggi questo articolo per scoprire tutte le oasi.

Oasi Egitto

1- L'oasi di Siwa

L'oasi di Siwa è meta di oltre 30mila turisti stranieri ed egiziani ogni anno ed è stata classificata tra i 9 migliori siti per rilassarsi del pianeta. Si trova 560 km dal Cairo, i cittadini di Siwa parlano una lingua distinta del Famiglia berbera conosciuta come Siwi.

Siwa è nota per la ricchezza di sorgenti naturali, sia calde che fredde, e per la produzione di datteri e olive di alta qualità. L' oasi di siwa e situata in una profonda depressione (18 m sotto il livello del mare).

L'oasi di Siwa è una gemma nascosta nel cuore dell'Egitto. Questa oasi è un vero e proprio paradiso nel mezzo del deserto, che offre ai visitatori una fuga serena e rinfrescante dal caldo torrido.

Incastonata tra il Grande Mare di Sabbia e la Depressione di Qattara, Siwa è una delle oasi più isolate dell'Egitto, e rappresenta un luogo perfetto per chi cerca solitudine e tranquillità.

L'oasi ospita palmeti lussureggianti, sorgenti naturali cristalline e paesaggi mozzafiato che vi lasceranno a bocca aperta.

L'area è anche ricca di storia e cultura, poiché un tempo era un importante centro commerciale e una tappa importante lungo le vie carovaniere che collegavano l'Egitto al resto dell'Africa.

Oggi i visitatori possono esplorare le antiche rovine del Tempio di Amun, l'Oracolo di Amun e l'Isola di Fatnas, oltre ad altri affascinanti monumenti.

L'oasi di Siwa è una vera e propria oasi in tutti i sensi. Offre un'esperienza unica e indimenticabile ai viaggiatori in cerca di avventura, relax e immersione culturale.

Con le sue straordinarie bellezze naturali, la sua ricca storia e la sua atmosfera pacifica, Siwa è una meta imperdibile per chiunque si rechi in Egitto.

Dai un'occhiata sui Pacchetti di viaggi in Egitto e Prenota ora la tua prossima avventura!

L'oasi di Siwa,oasi in egitto

2- L'Oasi Bahariya

L'Oasi Bahariya è la più vicina alla capitale egiziana, da cui dista circa 360 chilometri. Quest'oasi si trova nel Governatorato di Giza, ed è circondata da montagne e ricca di sorgenti.

L'oasi è stata per secoli di notevole importanza come scalo delle carovane provenienti dal nord Africa alla Mecca.

Dall'oasi di Bahariya, le guide locali offrono diversi tour nel deserto nero e bianco e nelle oasi meridionali. L'osai Bahariya è anche famosa come destinazione turistica per le sue numerose sorgenti termali.

Se ti piace i monumenti, là puoi visitare la Casa Inglese, le Montagne Nere, la Valle di Agabat, il Museo delle Mummie d'Oro e la Montagna di Cristallo.

L'oasi è collegata al capoluogo da una buona strada asfaltata e si può facilmente arrivare con gli autobus o i minibus privati con aria condizionata.

Vuoi fare una crociera sul Nilo e visitare il Tempio di Abu Simbel? Clicca qui!

L'Oasi Bahariya, oasi egitto

3- L'oasi di Farafra

L'oasi di Farafra si trova a nord-ovest dell'oasi del Dakhla, vicino alle rovine di Kasr El Farafrah, Kasr Abou Monkara a 350 miglia nel deserto occidentale. 

Il Farafra è un'oasi interamente piantumata con gli ulivi e le albicocche e rappresenta una comunità di circa 3000 beduini che vivono in piccole case, per lo più dipinte di blu per allontanare, secondo una credenza, gli spiriti maligni.

Alcuni sono invece decorati con le raffigurazioni di animali. Nei millenni passati, quando il clima era più favorevole, quella che oggi è un'oasi nota per il suo profondo attaccamento alle tradizioni e per la semplicità dei suoi modi di vivere, era famosa come la “terra delle mucche dei faraoni”.

In questo luogo può immergerti in ​​paesaggi altamente suggestivi e incontaminati, che trasmettono una grande sensazione di pace e libertà.

Il Farafra si trova nei pressi del famoso Deserto Bianco, caratterizzato dalla presenza di faraglioni calcarei fossiliferi, erosi dal vento in forme bizzarre che emergono dalle sabbie gialle del deserto, conferendo al paesaggio un aspetto unico.

Viaggio nel Mar Rosso? Godeti il maglio con l'offerte di Cairo, Crociera e Marsa Alam


L'oasi di Farafra, oasi egitto

4- L'oasi di Dakhla

L'oasi di Dakhla è una destinazione affascinante che parla del patrimonio culturale dell'Egitto. È un'oasi situata nel cuore del Deserto Occidentale e rimane una gemma nascosta che deve ancora essere scoperta da molti viaggiatori.

L'oasi è una fusione perfetta di bellezza naturale e ingegno umano, e testimonia la resilienza e l'intraprendenza del popolo egiziano.

L'oasi di Dakhla si trova a 350 km dal Nilo tra le oasi di Farafra e Kharga. Il Dakhla è composta da oltre 600 sorgenti naturali e laghi. Tra frutteti e campi rigogliosi, ci sono pittoreschi villaggi di mattoni di fango.

Ci sono circa 70.000 persone abita in quest'affascinante oasi.

L'oasi è circondata da imponenti dune di sabbia che sembrano estendersi a perdita d'occhio. L'immensa distesa del deserto è interrotta dalla vista delle palme che si raggruppano intorno all'oasi, fornendo l'ombra e il sostentamento tanto necessari alla popolazione locale.

L'oasi ospita anche una serie di sorgenti d'acqua dolce che sgorgano dal sottosuolo, fornendo una risorsa preziosa in un paesaggio altrimenti arido.

Gli abitanti dell'oasi sono un misto di tribù beduine e agricoltori che hanno imparato a vivere in armonia con la terra. Hanno sviluppato ingegnosi sistemi di irrigazione che permettono loro di coltivare e allevare bestiame nel bel mezzo del deserto.

L'oasi è famosa per le sue palme da dattero, che producono alcuni dei datteri più dolci e succulenti del mondo.

I visitatori di L'oasi di Dakhla possono immergersi nella cultura locale visitando i piccoli villaggi che punteggiano l'oasi.

Potranno assaggiare la cucina tradizionale beduina, osservare gli artigiani al lavoro e persino trascorrere una notte in una casa tradizionale in mattoni di fango. L'oasi ospita anche numerose rovine antiche, tra cui il Tempio di Amon, risalente alla 26ª dinastia.

L'oasi di Dakhla, oasi egitto

5- L'Oasi di Kharga

L'Oasi di Kharga si trova nel deserto libico, a circa 200 km a ovest della valle del Nilo e si estende per circa 180 km.

Questa grande oasi è raggiungibile dall'oasi di Dakhla attraverso la strada del deserto che segue la sponda sinistra del Nilo fino ad Asyut " una città egiziana ". 

L'oasi Kharga è la più popolata delle oasi occidentali del deserto, conta oltre 60.000 abitanti, e fin dall'antichità è stata un punto di riferimento per le carovane che partivano dal Sudan per raggiungere la valle del Nilo nella tratta degli schiavi.

Ci sono numerosi reperti archeologici che testimoniano l'importanza raggiunta da Kharga, con numerosi luoghi di interesse da esplorare, inclusi antichi templi, fortezze e villaggi.

Di grande interesse anche le tracce del percorso attraverso il quale le antiche carovane raggiungevano il Sudan.

Leggi anche: 

La Città di Luxor
Tempio di Abu simbel

L'Oasi di Kharga,oasi in egitto

6- Il Fayoum

Fayoum è l'oasi più grande dell'Egitto e la più vicina al fiume Nilo e al Cairo. Il lago Qarun presente nella regione si formò circa 70.000 anni fa quando il Nilo inondò la depressione che oggi occupa la regione del Fayoum. Oggi i canali che lo collegano al fiume alimentano il lago.

Il Fayoum è anche sede di importanti siti archeologici. Ad esempio, Qasr Qarun è un tempio di epoca tolemaica situato sulla sponda occidentale del lago dedicato a Sobek, il dio coccodrillo. 

La maggior parte del patrimonio archeologico di Fayoum risale al Regno di Mezzo, periodo durante il quale l'oasi era un centro del potere politico. C'è il villaggio di Tunisi tra i centri più famosi, in particolare negli ultimi anni.
L'oasi è anche nota per i suoi fichi e uva di eccezionale qualità. Si coltivano anche le olive. 

un uomo ammira il tramonto al Fayoum, oasi in egitto

7- Il Deserto Bianco

Il Deserto Bianco d'Egitto si trova a circa 370 km a sud-ovest del Cairo ed a 45 km a nord della città di Farafra, che rappresenta una piccola sezione del vasto deserto occidentale dell'Egitto.

Il deserto ha un colore bianco crema e ha un'enorme roccia calcarea. Questo luogo meraviglioso è nota per avere alcuni dei paesaggi e delle formazioni geologiche più rari dell'intero paese.

Le formazioni geologiche sono state create a seguito di occasionali tempeste di sabbia nell'area. Qui i paesaggi variano da oasi verdi con palme e sorgenti di acqua calda, a strani vulcani dormienti circondati da sabbia e montagne di cristalli.

Il deserto di Farafra è un luogo tipico visitato da alcune scuole in Egitto, come luogo per le gite in campeggio.

Prenota ora la tua vacanza in Egitto qui

Il Deserto Bianco, oasi egitto

commenti dei clienti

RECENSIONI DI VIAGGIATORI VERI Oltre 799 recensioni a 5 stelle su TripAdvisor! TripAdvisor!
  • Nate
    Nate
    La vacanza è stata organizzata molto bene, le persone che ci Hanno accolte sono state puntuali ad accoglierci. Grazie Viaggio in Egitto.
  • Daniela Guerra
    Daniela Guerra
    Siamo sempre stati seguiti ed accontentati in tutto. Gli operatori erano sempre puntuali e gli hotel e la nave erano ottimi. Un viaggio che consiglio
  • Riccardo
    Riccardo
    Abbiamo fatto un viaggio meraviglioso, 3 giorni al Cairo e 4 giorni crociera sul Nilo. Tutto è perfettamente organizzato da Viaggio in Egitto.
  • Silvana
    Silvana
    In 10 giorni abbiamo visitato in modo eccellente e super organizzato nei dettagli tutto l'Egitto. Un viaggio super consigliato con Sahara Travel.


Domande frequenti

Fare fotografie e' permesso nella maggior parte dei siti di interesse storico e dei musei, anche se in alcuni potrebbe esserVi richiesto un sovrapprezzo sul costo del biglietto per l'entrata se muniti di macchina fotografica. In alcuni musei, come il Museo Egizio, e altri siti di interesse turistico come la Valle dei Re a Luxor, tale attività' non e' permessa e ai visitatori viene richiesto di lasciare la macchina fotografica all'ingresso.

In molte aree turistiche egiziane tali raccomandazioni non sono necessarie; in località' meno turistiche si raccomanda invece un abbigliamento consono. Di fatto, le donne dovrebbero evitare un abbigliamento troppo succinto, collane appariscenti, tenere le spalle e le ginocchia coperte, durante le visite delle Moschee di consiglia di avere una sciarpa, e in alcune moschee alle donne sarà' chiesto di coprire la testa e magari anche le braccia e le gambe. Sia alle donne che agli uomini sarà' chiesto di togliersi le scarpe prima dell'ingresso.

Ci sono tutti i tipi di strutture in Egitto iniziando  dagli hotel di lusso al semplice ostello. I piu' belli alberghi delle catene internazionali, come Movenpick, Hilton, Four Season, Sofitel, eguagliano il livello delle strutture di lusso di tutto il mondo.

Ad un altro livello si collocano gli alberghi locali, per i quali e' possibile trovare vari livelli e stili, dal lusso al sobrio. Gli alberghi egiziani hanno una loro classificazione che li colloca genericamente in una scala a 5 stelle, differente da quella usata ovunque negli standard internazionali.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie ma  comunque e’ raccomandabile per gli anziani e per  i bambini piccoli il vaccino contro l'Epatite C, il Tifo ed il richiamo per il Tetano


Visualizza tutto