Nile Cruises
Nile Cruises

L'oasi di Bahariya

L'oasi di Bahariya è una sosta da non perdere in Egitto, È anche un tesoro di grandi e importanti reperti archeologici dei nostri tempi moderni.

Oasi di Bahariya

L'Oasi Bahariya Egitto

L'oasi di Bahariya è una sosta da non perdere in Egitto, Questa oasi ha un significato storico particolare in quanto è stato un importante punto di transito per le tracce di Caravan e la Valle del Nilo. È anche un tesoro di grandi e importanti reperti archeologici dei nostri tempi moderni.

Il nome dell'oasi Bahariya:

Il nome Bahariya deriva probabilmente dalla parola Bahr, che significa il mare in arabo. La parola Bahariya riferisce al Mar Mediterraneo e in generale alle terre del nord dell'Egitto nei tempi antichi. I Pharos chiamarono l'Oasi di Bahariya "Desdes" mentre i romani la chiamarono "Parva" o la piccola oasi.

La posizione e il significato geografico dell' Oasi di Bahariya:

Oasi di bahariya si trova a 370 chilometri a nord del Cairo, rendendolo più vicino alla capitale dell'Egitto rispetto ad altre oasi remote come Siwa o Al Kharga. Questo è forse il motivo per cui molti cariani e turisti che visitano il Cairo preferiscono recarsi nel oasi bahariya se vogliono provare il gusto dello stile di vita dell'oasi egiziana.

L'oasi Bahariya presenta una grande depressione nel deserto, lunga 94 chilometri e larga 40 chilometri. L'oasi contiene anche una serie di enormi montagne come Gebel Ghurabi, Gebel Maghrafa, Gebel Dist noto anche come  la montagna inglese.

Le Persone e la sua cultura

Il popolo dell'Oasi Bahariyaoppure il popolo Waḥiti (che significa il poolo dell'oasi ma in arabo), sono i discendenti degli antichi popoli che abitavano negli oasi e le tribù beduine della Libia e altre persone sono venuti dalla valle del Nilo per stabilirsi nell'oasi.

La maggior parte delle persone Waḥātī nel Oasi Bahariya sono musulmani. Ci sono alcune moschee a Bahariya. La natura dei contesti sociali nell'oasi è fortemente influenzata dall'Islam.

Inoltre, la musica tradizionale è molto importante per il popolo Waḥātī. Flauti, batteria e simsimeyya (uno strumento simile all'arpa) vengono suonati in occasione di incontri sociali, in particolare ai matrimoni. Le canzoni tradizionali cantate in stile rurale vengono tramandate di generazione in generazione e vengono inventate anche nuove canzoni. La musica del Cairo, del Medio Oriente maggiore e di altre parti del mondo è ora facilmente accessibile alle persone dell'oasi.

La storia dell'oasi di Bahariya:

Il primo insediamento umano nell'Oasi di Bahariya, registrato nella storia, fu nel regno centrale. In particolare a partire dalla XVIII dinastia, l'Oasi di Bahariya iniziò a guadagnare importanza commerciale e politica a causa della sua posizione sulla pista delle carovane commerciali tra la Valle del Nilo e le tribù in Libia e nel Deserto Occidentale.

Il periodo più prospero nella storia antica dell'Oasi di Bahariya fu durante il regno della 26a dinastia, in particolare durante il dominio di Amasi quando l'antica città di Psobthis, che si trovava nel mezzo dell'oasi, divenne il centro del commercio rotte del deserto occidentale.

L'importanza dell'Oasi di Bahariyaè aumentata anche durante il periodo greco-romano. A causa della suo ruolo nel commercio  in quanto si considerava uno dei posti piu’ importanti a produrre il vino, i datteri e cereali e l’olio d’oliva, La fortezza di Qaser Masuda è la prova evidente di quanto e’ importante l’Oasi di Bahariya  sopratutto per l'impero romano


Oasi di bahariya egitto

L'oasi di Bahariya Egitto oggi

L'Oasi di Bahariya ospita oltre trentamila persone che vivono principalmente nelle quattro principali città dell'oasi: Bawiti (la capitale e il punto centrale dell'Oasi Bahareya), Al Qaser (l'antico villaggio nell'Oasi Bahareya), Mandisha e Zabw. L'area tra Bawiti e Al Qaser contiene una serie di montagne con molte antiche necropoli come la necropoli Abis di Qarat Feragi e la Necropoli di Qarat Subi.

L'oasi di Bahariya Egitto  contiene molte sorgenti termali ad esempio Bir Al Nebaga al Bawiti , Ain Bishmu, e Bir Matar trovata al nord, oltre alle sorgenti termali c’e’ anche il lagi di Marun al nord dell’Oasi di Bahariya dove si puo’ fare birdwatching a causa degli uccelli rari trovati li , gli amanti del birdwatching vengono da ogni parte del mondo per vedere questi rari ucceclli 

La valle delle mummie dorate:

Nel 1996, il famoso archeologo egiziano Zahi Hawas ha scoperto una necropoli meravigliosa che risale all'epoca romana e si trova a 6 chilometri a sud-ovest di Bawiti, che si considera la più grande città dell'oasi di Bahareya.

I lavori di scavo iniziarono nel 1999 e furono in grado di dimostrare che questa necropoli era di gran lunga il più importante sito di sepoltura dei romani in tutto l'Egitto. Questa necropoli, infatti, contiene centinaia di tombe su una superficie di circa 36 chilometri quadrati. Questa sorprendente scoperta ha portato la diffusione di notizie in tutto il mondo e ha reso famosa l'oasi di Al Bahareya, dando all'oasi una nuova dimensione turistica.

Dozzine di mummie sono state scoperte in perfetto stato di conservazione nella Valle delle Mummie d'oro. La maggior parte di queste mummie sono state mummificate usando il vecchio metodo, il cartonnage. Questo metodo consisteva nel coprire il viso della mummia con una maschera fatta di lino e gesso.  quindi Questa maschera è stata decorata con molti rilievi colorati. Gli occhi della bocca del defunto sono stati quindi dipinti sulla maschera per dare un'immagine più chiara del suo viso.

Le mummie dell'oasi di bahariya Egitto  avevano la comune decorazione romana che combinava le tradizionali antiche forme faraoniche egiziane con i colori associati alla mitologia romana e La valle delle mummie dorate nell'oasi di Bahareya è una delle necropoli particolare in Egitto.

Gebel Al Ingleez ,la montagna inglesa o la Montagne Nera 

Chiaramente visibile dalla strada per il Cairo, Gebel Al Ingleez, noto anche come la Montagne Nera, prende il nome da un posto di guardia della prima guerra mondiale. Da qui il capitano Williams, un ufficiale britannico, monitorò i movimenti delle tribù libiche di Senussi. Ma la vera ragione per venire qui è per le fantastiche vedute panoramiche, che si estendono attraverso l'oasi e verso il deserto oltre.

In cima ci sono i modesti resti del posto di guardia del Capitano William. Vai qui per guardare il tramonto per l'esperienza più suggestiva. Una strada sterrata si snoda fino a un altopiano vicino alla cima, da dove un sentiero conduce attraverso la cresta fino alla cima (circa cinque minuti a piedi).

commenti dei clienti

Roberto conti

Roberto conti

E' stato il viaggio piu' bello in vita mia con "viaggio in Egitto",gentili ,preparati e professionali ,grazie di tutto

Angela russo

Angela russo

Il nostro viaggio non poteva essere migliore di quello abbiamo visto! l tutto e' andato benissimo grazie a viaggio in Egitto staff

Cristina d'angelo

Cristina d'angelo

Abbiamo prenotato la crociera sul Nilo che era bellissima,pulita,moderna ed i servizi sono ottimi! e la nostra guida e' stato bravissimo.Grazie

Paolo Rizzo

Paolo Rizzo

Ho acquistato un pacchetto Egitto e Giordania e siamo rimasti molto soddisfatti! sicuramente il nostro prossimo viaggio sara' con voi


Domande frequenti

Fare fotografie e' permesso nella maggior parte dei siti di interesse storico e dei musei, anche se in alcuni potrebbe esserVi richiesto un sovrapprezzo sul costo del biglietto per l'entrata se muniti di macchina fotografica. In alcuni musei, come il Museo Egizio, e altri siti di interesse turistico come la Valle dei Re a Luxor, tale attività' non e' permessa e ai visitatori viene richiesto di lasciare la macchina fotografica all'ingresso.

In molte aree turistiche egiziane tali raccomandazioni non sono necessarie; in località' meno turistiche si raccomanda invece un abbigliamento consono. Di fatto, le donne dovrebbero evitare un abbigliamento troppo succinto, collane appariscenti, tenere le spalle e le ginocchia coperte, durante le visite delle Moschee di consiglia di avere una sciarpa, e in alcune moschee alle donne sarà' chiesto di coprire la testa e magari anche le braccia e le gambe. Sia alle donne che agli uomini sarà' chiesto di togliersi le scarpe prima dell'ingresso.

Ci sono tutti i tipi di strutture in Egitto iniziando  dagli hotel di lusso al semplice ostello. I piu' belli alberghi delle catene internazionali, come Movenpick, Hilton, Four Season, Sofitel, eguagliano il livello delle strutture di lusso di tutto il mondo.

Ad un altro livello si collocano gli alberghi locali, per i quali e' possibile trovare vari livelli e stili, dal lusso al sobrio. Gli alberghi egiziani hanno una loro classificazione che li colloca genericamente in una scala a 5 stelle, differente da quella usata ovunque negli standard internazionali.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie ma  comunque e’ raccomandabile per gli anziani e per  i bambini piccoli il vaccino contro l'Epatite C, il Tifo ed il richiamo per il Tetano


Visualizza tutto