Monastero di Santa caterina

Il monastero di Santa Caterina è stato per secoli una meta sia per i pellegrini che per i viaggiatori avventurosi. Leggi di più.

L'isolato Monastero di Santa Caterina si trova aderente tra le cime scoscese dell'alta catena montuosa del Sinai. Il Monastero di Santa Caterina rappresenta uno dei monasteri funzionanti più antichi del mondo, quello di Santa Caterina è stato per secoli una meta sia per i pellegrini che per i viaggiatori avventurosi.

La sua fama e il suo fascino derivano dalla sua posizione ai piedi del Monte Sinai, il sito della storia dei Dieci Comandamenti dell'Antico Testamento, e quindi è venerato da cristiani, ebrei e musulmani allo stesso modo. Il monastero ospita anche il "roveto ardente" e ospita una delle collezioni di icone religiose più rinomate al mondo, una selezione delle quali è esposta ai visitatori nel museo del monastero.

Oggi, viaggiatori e pellegrini in Egitto sono ancora attratti dal nucleo arido e montuoso della penisola del Sinai sia per visitare il monastero che per fare un'escursione fino alla cima del Monte Sinai. Il Monastero di Santa Caterina si trova a pochi chilometri dal piccolo insediamento di Al-Milga, che ha un paio di hotel e ostelli economici, oltre ad alcuni semplici ristoranti. Per gli escursionisti appassionati che vogliono esplorare le montagne del deserto del Sinai, questo villaggio è un buon luogo per iniziare l'avventura.

La maggior parte dei visitatori, tuttavia, arriva come parte di un tour organizzato di un giorno dalle località del Sinai meridionale di Sharm el-Sheikh e Dahab.

Non perderti un Viaggio in Egitto per visitare questo sacro monastero e fare anche un tour a Sharm.

Monte mose - Monastero di santa caterina

La storia del monastero di Santa Caterina

Questo antico monastero fa risalire la sua fondazione intorno al 330 d.C., quando l'imperatrice bizantina Elena fece costruire una piccola cappella e un rifugio fortificato per eremiti locali accanto a quello che si credeva fosse il roveto ardente da cui Dio parlò a Mosè. 

Oggi Santa Caterina è considerata una delle più antiche comunità monastiche ininterrotte al mondo. Il monastero – che, insieme al territorio circostante, è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco – è intitolato a Santa Caterina, leggendaria martire di Alessandria, torturata su una ruota chiodata e poi decapitata per la sua fede. 

La tradizione vuole che il suo corpo sia stato trasportato dagli angeli lontano dal dispositivo di tortura (che è andato fuori controllo e ha ucciso gli spettatori pagani) e sulle pendici della vetta più alta dell'Egitto.  La vetta, che si trova a circa 6 km a sud del Monte Sinai, divenne successivamente nota come Gebel Katarina. Il corpo di Katherine fu "trovato" circa 300 anni dopo dai monaci del monastero in perfetto stato di conservazione.

Nel VI secolo, l'imperatore Giustiniano ordinò la costruzione di una fortezza attorno alla cappella originaria, insieme a una basilica e un monastero, per fornire una casa sicura alla comunità monastica che vi era cresciuta e come rifugio per i cristiani del Sinai meridionale .

Da allora il monastero è stato visitato da pellegrini provenienti da tutto il mondo, molti dei quali hanno affrontato viaggi straordinariamente difficili e pericolosi per raggiungere il luogo remoto e isolato. Oggi una strada di accesso asfaltata ha eliminato i pericoli che accompagnavano un viaggio qui e il monastero è diventato una popolare gita di un giorno da Sharm El Sheikh e Dahab.

N.B: I viaggiatori che vogliono visitare il monastero dovrebbero ricordare che questo è ancora un monastero funzionante, che richiede un abbigliamento conservativo: nessuno con i pantaloncini può entrare e le donne devono coprirsi le spalle.

Goditi il meglio con una Crociera sul Nilo

Monastero di Santa Caterina

Cosa vedere dentro il monastero?

1- La Chiesa della Trasfigurazione

La Chiesa della Trasfigurazione è il fulcro del monastero e domina l'intero complesso. La chiesa viene costruita per ordine dell'imperatore bizantino Giustiniano, la porta di legno riccamente intagliata della chiesa conduce alla basilica a tre navate. Pesanti colonne di granito con capitelli a fogliame riccamente decorati separano le navate laterali, mentre alle pareti dipinti di santi guardano dall'alto.

Nell'abside, e fuori limite per i visitatori, si trova il sarcofago gloriosamente ornato che custodisce le spoglie di Santa Caterina. Il sarcofago fu donato al monastero dall'imperatrice Caterina di Russia. Dietro l'abside - anch'essa chiusa ai visitatori - si trova la Cappella del Roveto ardente. Questa era la chiesa originaria del monastero, costruita per ordine dell'imperatrice bizantina Elena. Una targa d'argento nel pavimento qui segna il punto in cui si suppone che Dio sia apparso a Mosè.

Da non perdere: Se allunghi il collo verso l'alto vicino all'abside, puoi distinguere alcuni dei dettagli del famoso Mosaico della Trasfigurazione, uno dei tesori più famosi del Monastero di Santa Caterina. Questo mosaico magnificamente dettagliato risale al 542 d.C. e raffigura il Cristo trasfigurato circondato da profeti, apostoli e santi.

Monastero di Santa Caterina

2- Il roveto ardente

Per molti visitatori pellegrini, l'attrazione turistica più importante all'interno del monastero è il Roveto ardente, che secondo la leggenda locale è un diretto discendente del roveto ardente dell'Antico Testamento attraverso il quale Dio parlò a Mosè.

Il vero cespuglio è il rovo Rubus Sanctus, endemico della penisola del Sinai. Un muro ora circonda l'arbusto per proteggerlo dall'essere spogliato dai pellegrini che, per molti anni, hanno tagliato rami da portare a casa come souvenir.

3- La Sacra Sacrestia: l'Oro e la Gloria del Museo del Monastero

Appena ad ovest della Chiesa della Trasfigurazione, una rampa di scale conduce al fantastico museo del monastero, noto come la Sacra Sacrestia. Questa è, di gran lunga, la sezione più interessante del monastero aperta al pubblico.

Il monastero ospita una delle collezioni più vaste e pregiate al mondo di manoscritti religiosi, arte e icone. La stragrande maggioranza di questo, tuttavia, non è visibile al pubblico e vi possono accedere solo accademici in visita che hanno acquisito il permesso dalle autorità del monastero. Per il pubblico in visita, La Sacra Sacrestia presenta una selezione ben congegnata e ben presentata di questi tesori.

Da non perdere: nella prima sala del museo, puoi vedere una delle icone più famose in possesso del monastero: il dipinto del XII secolo della Scala della Divina Ascensione. Anche qui troverai la copia dell'Ahtiname del monastero. Questo era il documento, firmato dal profeta Maometto, che garantiva la protezione del monastero quando gli eserciti arabi aprono l'Egitto.

Nel seminterrato troverai il tesoro più famoso del monastero. Qui sono esposte pergamene del Codex Sinaiticus, acclamata come la Bibbia più antica del mondo.

4- Moschea del monastero

Di fronte alla Chiesa della Trasfigurazione c'è una semplice moschea con un minareto separato. I monaci lo costruirono nell'XI secolo durante il periodo fatimide.

Prenota ora una Vacanza in Egitto per ammirare tutte le sue mete affascinanti

commenti dei clienti


Domande frequenti

Fare fotografie e' permesso nella maggior parte dei siti di interesse storico e dei musei, anche se in alcuni potrebbe esserVi richiesto un sovrapprezzo sul costo del biglietto per l'entrata se muniti di macchina fotografica. In alcuni musei, come il Museo Egizio, e altri siti di interesse turistico come la Valle dei Re a Luxor, tale attività' non e' permessa e ai visitatori viene richiesto di lasciare la macchina fotografica all'ingresso.

In molte aree turistiche egiziane tali raccomandazioni non sono necessarie; in località' meno turistiche si raccomanda invece un abbigliamento consono. Di fatto, le donne dovrebbero evitare un abbigliamento troppo succinto, collane appariscenti, tenere le spalle e le ginocchia coperte, durante le visite delle Moschee di consiglia di avere una sciarpa, e in alcune moschee alle donne sarà' chiesto di coprire la testa e magari anche le braccia e le gambe. Sia alle donne che agli uomini sarà' chiesto di togliersi le scarpe prima dell'ingresso.

Ci sono tutti i tipi di strutture in Egitto iniziando  dagli hotel di lusso al semplice ostello. I piu' belli alberghi delle catene internazionali, come Movenpick, Hilton, Four Season, Sofitel, eguagliano il livello delle strutture di lusso di tutto il mondo.

Ad un altro livello si collocano gli alberghi locali, per i quali e' possibile trovare vari livelli e stili, dal lusso al sobrio. Gli alberghi egiziani hanno una loro classificazione che li colloca genericamente in una scala a 5 stelle, differente da quella usata ovunque negli standard internazionali.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie ma  comunque e’ raccomandabile per gli anziani e per  i bambini piccoli il vaccino contro l'Epatite C, il Tifo ed il richiamo per il Tetano


Visualizza tutto